JAR’A – Il nuovo album di Paolo Angeli

In distribuzione dal 22 aprile il nuovo album solista di Paolo Angeli Jar’a prodotto da ReR Megacorp e AnMa.
Il concept, una suite di 42 minuti strutturata in 6 movimenti, è stato registrato il 31 maggio 2020 a Barcellona, ma ri-composto, editato e mixato in Sardegna. Angeli ha infatti scelto come contesto di gestazione l’Isola di La Maddalena (tra le quinte di granito dell’arcipelago) e Gergei, borgo che sorge ai piedi del santuario nuragico di Santa Vittoria (Giara di Serri), a pochi chilometri da ‘Sa Jara manna’ di Gesturi.

Nel nuovo album Angeli accosta l’avanguardia alla ritualità del canto tradizionale, evocando spazi aperti e coniugando mondi sommersi con la Sardegna ancestrale. La chitarra sarda preparata viaggia oltre i confini della stereofonia, in un viaggio musicale algido e mediterraneo, mixato a 360 gradi. L’archetto dialoga con i contrappunti chitarristi, la linea di basso in ostinato sorregge l’architrave della struttura musicale, si sovrappongono bordoni e poliritmie e il tutto, suonato in presa diretta, si compatta in un magma liquido realizzato con i delay analogici.

La vera sorpresa – che colloca l’album in sentieri che evocano le pagine avantgarde di Bjork – è l’uso innovativo della voce sarda, filtrata con distorsori, trattata ed elaborata in post-produzione. Accade quindi che le sonorità delle trombe geloso, comunemente utilizzate per tutto il ‘900, per amplificare il canto sardo, divengano suono contemporaneo, che dialoga con una deflagrazione sonora al limite del noise.

Il climax della suite coincide con la partecipazione di Omar Bandinu (Tenores di Bitti Mialinu Pira), che, attraverso la tecnica del basso gutturale ‘a tenore’, improvvisa linee vocali liberando la tradizione nel magma della musica improvvisata e, allo stesso tempo, trasporta l’album nei territori della Sardegna più arcaica. Tutto questo rende Jar’a un esempio inedito di rivisitazione della tradizione, trasportata in sentieri, non ancora esplorati, dagli stessi interpreti che ne hanno preservato la sua radice più antica.

Jar’a è una sintesi importante, in cui la chitarra sarda preparata, senza alcuna sovra-incisione, raggiunge la gamma timbrica e la pressione sonora di un ensemble post-rock; un concept album in cui Paolo Angeli esprime un linguaggio contemporaneo innovativo e lo intarsia con una fragile vocalità che emoziona.

L’album è stato masterizzato da Marti Jane Robertson; da segnalare la copertina ad opera dell’artista Crisa, gli scatti di Nanni Angeli ed Emanuela Porceddu, la serigrafia che accompagna il vinile in edizione deluxe ad opera di Manuche, artwork di Ale sordi.

JAR’A
Paolo Angeli: Chitarra sarda preparata, voce, elettronica.
Special Guest :
Omar Bandinu (Tenores di Bitti Mialinu Pira), bassu (Cantu a Tenore, Sardinian throat singing)

Facebook
Articolo creato 239

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto