A Desulo un corso di fotografia autofinanziato: «L’arte fotografica per rivitalizzare i paesi»

La fotografia per rivitalizzare il senso artistico dei paesi. Con questo obiettivo l’associazione di promozione sociale Paensieri di Desulo e il fotografo professionista Mattia Melis di Teti hanno organizzato a Desulo un corso di fotografia. Iniziato due settimane fa, dopo una riunione organizzativa in una sala messa a disposizione dal Comune di Desulo, le lezioni teoriche si son tenente finora nei saloni parrocchiali, concessi con entusiasmo, considerata l’iniziativa culturale, dal parroco Don Mariano Pili. Le uscite fotografiche, invece, si fanno all’aperto. Il corso è reso possibile dal grande entusiasmo dei dieci iscritti, provenienti da tutto il circondario: Desulo, Aritzo e Gavoi. Ognuno ha aderito versando una quota. In questo modo il corso è totalmente autofinanziato e autofinanziato sarà l’allestimento di una mostra alla fine delle lezioni con i migliori scatti dei corsisti.

«Sono felice di trasmettere il mio sapere in modo che sempre più persone comprendano quante emozioni si celano dietro un obiettivo. A Desulo, poi, ho la fortuna di avere un gruppo di allievi davvero appassionati e questo rende tutto più facile e bello», afferma Mattia Melis, 31 anni, fotografo di Teti, esperto di ritratti, fotografia per cerimonie e moda (ha partecipato a varie Fashion Week in tutto il mondo e la settimana prossima sarà a Parigi per una delle più importanti settimane della moda).

«Nei piccoli paesi c’è fame di iniziative di questo tipo, perché la fotografia è arte e l’arte è cibo per l’anima, parte fondamentale del nostro vivere. Grazie alla fotografia ci auguriamo che i corsisti possano esprimere le loro emozioni, ma anche dare voce ai paesi che vivono quotidianamente», dichiara la presidente dell’Associazione Paensieri, Daniela Melis, 34 anni, giornalista e operatrice culturale. «Il corso di fotografia è la prima delle tante iniziative che l’associazione ha in mente per il 2020: da tempo, infatti, intendiamo organizzare un corso di teatro per adulti e, ancora, un Silent Book Club, nuova tendenza per incentivare la lettura. Proseguiremo anche con tutte le attività sui social, come la Camomilla Poetica e Visioni di Canzoni, volte a diffondere cultura, poesia e musica».

«Ma, entro l’estate, abbiamo intenzione anche di avviare dei progetti per i bambini —, aggiunge il vice-presidente di Paensieri, Pietro Nasitti, 35 anni, pedagogista con lunga esperienza sul campo, -Tra questi, educazione alle emozioni attraverso gli albi illustrati e percorsi nella natura con lo stile waldkindergarten (asilo nel bosco). Abbiamo tanti bambini curiosi e un territorio immenso da scoprire e per il quale emozionarsi. E da fotografare, ovviamente».

Il corso di fotografia prevede ancora una decine di lezioni. Dopo di che, il fotografo di Teti selezionerà le migliori foto, che andranno a far parte di una mostra da tenersi a Desulo per un weekend. «Questo è il normale iter che deve seguire un corso di fotografia. Sarà una bella iniziativa non solo per i corsisti, che ci stanno mettendo davvero il cuore, ma anche per il paese che attraverso questo evento potrà scoprire il valore dell’arte della fotografia, un modo di comunicare emozioni immediato e intenso», conclude Mattia Melis.

Mattia Melis è fotografo professionista da diversi anni. A Teti lavora all’interno dello studio S.M.A., formato da giovani professionisti.

L’associazione Paensieri è nata a Desulo nel 2018 per diffondere cultura e tradizioni. Per maggiori informazioni, si può visitare la pagina Facebook dell’associazione @paensieri o scrivere all’indirizzo e-mail paensieri@gmail.com

Per informazioni:

Daniela Melis | Presidente Ass.ne Paensieri

www.danielamelis.it

daniela.m.melis@gmail.com

34649228888

Facebook
Articolo creato 165

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto