L'EDITORIALE

di Pierpaolo Fadda

UN GIORNALE IN CONTINUA EVOLUZIONE

Era una serata di aprile di due anni fa.

La primavera stava sbocciando e con essa una visionaria idea, un progetto ambizioso e difficile che un editore coraggioso e lungimirante ha sposato dal primo istante.

Al telefono col direttore artistico Simone Riggio,
formalizzammo la nascita di un nuovo giornale periodico.
Un’ora dopo, la “creatura” aveva un nome evocativo e molto musicale: ANTAS.

Faccio questa premessa perché recentementeho ripreso in mano l’intera collezione del giornale e mi sono soffermato sul numero UNO.
Copertina a Paolo Fresu e, all’interno, uno schema che seguiva rigorosamente
una scaletta per certi versi chiusa: musica, letteratura, teatro, cinema, arte.

A me quel numero è molto piaciuto, ma al contempo non rifletteva completamente la mia prima idea: quella di dare voce alla miriade di artisti spesso sconosciuti al grande pubblico.

Per questo, numero dopo numero, Antas si è evoluto: sono cresciute le rubriche,
abbiamo aperto una finestra sul meraviglioso ambiente di una terra unica, sul mondo ancora in parte sconosciuto dell’archeologia e, infine, la rubrica “Luoghi di Sardegna”, viaggio alla scoperta di alcune cittadine più incantevoli della nostra isola.

Oggi, con l’uscita del nostro tredicesimo numero, il concetto è ormai chiaro: sarà questa la strada maestra anche per il futuro.

Scarica L'anteprima Gratuita

Scarica l'Anteprima!

(Te la mandiamo SUBITO via email)

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. Potrai cancellarti in qualsiasi momento con 1 solo e semplice click.

fade-leftfade-rightPrima di continuare la lettura ti chiediamo un favore.
fade-leftfade-rightCondividi questa pagina e falla conoscere ai tuoi amici

COPERTINA AL CASTELLO DI SANLURI

Tutte le vicende e anche i miti legati al Castello di Sanluri sono riassunti in un reportage molto accurato.
Mi fermo qui perché la curiosità sarà leggere questo esaustivo reportage.

Se c’è una spiaggia in Sardegna che desta ammirazione, non vi è dubbio che stiamo parlando di Goloritzé, Ogliastra, in territorio di Baunei.
Il nostro articolo, corredato di splendide fotografie, ha il solo scopo di invitare tutti i sardi a godere almeno per un giorno di questo meraviglioso connubio tra mare turchese e montagna.
Davvero imperdibile.

Per l’archeologia, abbiamo scelto di scoprire tutti i segreti del Nuraghe Losa di Abbasanta.
Ce li descrive, con dovizia di particolari, il dottor Alessandro Usai (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio – Cagliari).

Per la rubrica “Luoghi”, abbiamo trascorso una giornata del borgo medievale di Castelsardo.

Immancabile la nostra rubrica “Donne di Sardegna: l’artista Monica Mura, la stilista Salvatorica Sechi, Francesca Sassu, soprano di straordinario talento, la pittrice Sebastiana Mesina, la fumettista e illustratrice Stefania Costa.

Torna la letturatura con uno scrittore che sta ottenendo un grandissimo successo col romanzo Mia madre e altre catastrofi: Francesco Abate.

Infine la sorpresa.
Il velista di Cala Gonone, Gaetano Mura, che va a caccia di un’impresa: il giro del mondo in solitario con una barca a vela da 12 metri.

Buona Lettura!

Pierpaolo Fadda

CALA GOLORITZÉ

La perla di Baunei. Una giornata a contatto col mare cristallino,
pinnacoli maestosi, una montagna da sogno.

Così bella, così bramata, così oggetto del desiderio per l’azzurro delle acque, il bianco
della roccia, il verde della macchia mediterranea. È Cala Goloritzé,
una spiaggia nel territorio del Comune di Baunei, sulla costa orientale sarda
foto di Massimo Maddanu[/caption]

FRANCESCO ABATE

Dopo il grande successo dell’ultimo romanzo Mia madre e altre catastrofi,
a tu per tu col giornalista e scrittore cagliaritano. Una chiacchierata tra letteratura, giornalismo e la sua "amata" Sardegna.

È seduto su una panchina di ferro, vestito di scuro, e parla con due bambini che reggono la loro bicicletta e fanno capolino dietro i corpi di mamma e papà. «Vi state preparando per il giro d’Italia?», scherza amorevolmente Francesco Abate prima di congedare la famiglia
di amici che si è fermata per salutarlo.

foto di Gianfranco Pisoni

GAETANO MURA

Il giro del mondo in solitario con una barca a vela di dodici metri

«Molti mi paragonano a un astronauta che deve affrontare la solitudine dello spazio e le sfide di un viaggio ai limiti. E in effetti è un po’ come andare nello spazio, ci si trova in un’altra dimensione. ...

Scarica L'anteprima Gratuita

Scarica l'Anteprima!

(Te la mandiamo SUBITO via email)

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. Potrai cancellarti in qualsiasi momento con 1 solo e semplice click.

Ci fa piacere sapere cosa ne pensi.

Scrivi un tuo commento qui sotto:

Commenti da Facebook